Silvana e Pasquale

14 dicembre 2019 in Racconti

Ero di rientro da un viaggio a Firenze e , verso le 23:00 , decisi di fermarmi sull’autogrill a Caserta per un caffe’ . Al banco , mentre aspettavo il mio turno , scambiai qualche chiacchiera con un ‘uomo che , mi disse , rientrava anche lui da un giro di lavoro. Più tardi mi recai alla toilette , e lì rincontrai quell’uomo che , mentre ci lavavamo le mani , fece qualche commento sulle scritte che riempivano i muri dei bagni . Io risposi che era un modo per mettersi in contatto con coppie o gay ( la maggior parte ) che desideravano incontrare qualcuno con cui divertirsi e , da li , notai che lui era preso dall’argomento , chiedendomi se io avessi mai avuto esperienze del genere . Alla mia risposta affermativa , mi confessò che anche lui e sua moglie praticavano lo scambismo e mi chiese se potevo lasciargli il mio numero perché ,secondo lui , io ero il tipo di uomo che sua moglie gradiva . Fatto questo prendemmo un’ulteriore caffè e ci salutammo , con la promessa che avrebbe passato il numero a sua moglie . Passò all’incirca un mese e , mentre ero in cantiere per un sopralluogo con la Direzione lavori , mi arrivò una telefonata . Risposi pensando ad un cliente o a qualche cosa che riguardasse la mia attività ma , con gradita sorpresa da parte mia , mi disse di essere Silvana , la moglie di Pasquale , e che suo marito le aveva dato il mio numero insistendo sul fatto che sarei stato di sicuro di suo gradimento , e per l’aspetto fisico , e per essere un’uomo distinto e serio . Inutile dire che liquidai immediatamente la riunione e mi dedicai a lei subito . La conversazione fu subito cordiale e in sintonia con la reciproca voglia di trasgredire con le persone giuste . Mi chiese delle mie esperienze e mi raccontò delle loro . In particolare , mi disse che frequentavano un giro di coppie sulla costiera Sorrentina , ma che lei , era alla ricerca di un singolo che diventasse il suo amante fisso perché , diceva , ” ho bisogno di un rapporto con un’uomo che , oltre al sesso , sia anche un’amico con il quale poter dialogare di tutto e di cui potersi fidare ” . A me l’idea piacque subito . Anch’io sono per un rapporto duraturo con una bella coppia , e che non si tratti solo di sesso ( quello lo trovi dappertutto ) ma anche di complicità ed amicizia , altrimenti diventa solo un mercato rionale dove ognuno espone e vende la propria
merce. Alla fine , dopo essersi accertata che chi aveva al telefono fosse una persona a modo , mi invitò a prendere un caffè da loro” solo un caffè ” specificò ” non metterti strane idee in testa ” . ” Figurati ” le risposi , ” è già un piacere dialogare e conoscere una donna come te . E’ il gioco che mi piace ancor più della trasgressione stessa . Se son rose fioriranno ” . Mi diede l’indirizzo di un Parco a Castellammare di Stabia , al quale mi recai di lì a mezz’ora . Bussai alla porta che mi aveva indicato , e mi venne ad aprire una splendida signora , molto elegante , sui quarant’anni , vestita con un’abitino chiaro , con gonna svolazzante . Era veramente bella . Castana , ben truccata e con mani piene d’anelli e braccialetti ai polsi , con tacchi a spillo che le spingevano su un culetto delizioso . Mi accolse con un sorriso ed un bacio sulle guance , invitandomi ad entrare e sedere nel salotto , che era veramente grande e ben arredato , con piante un po’ dappertutto . Lei si accomodò nella poltrona di fronte , dopo avermi offerto un liquore , e la conversazione fu subito diretta al perché , un ‘uomo sposato e distinto come me , tradisse la propria moglie con coppie come la loro . Le risposi le solite cose , che poi son vere , e cioè che l’abitudine ammazza il desiderio , che mia moglie era una , si bellissima donna , ma che non era tanto portata per il sesso , mentre io ero attratto dall’erotismo e dallo scambio di coppia , distinguendo tra l’amore ed il sesso fatto semplicemente per il piacere della carne e che non centra nulla con il rapporto d’amore tra due coniugi . E’ semplicemente una ” Botta di Vita ” le dissi . Lei era sulla stessa lunghezza d’onda . Mi raccontò che suo marito ci aveva messo un bel po’ per convincerla ma che , una volta saltato il fosso , le si era aperto avanti un mondo piacevolissimo e pieno di eros che aveva rafforzato il loro rapporto quasi spento . ” Adesso sono io a chiederlo a Pasquale ” mi confessò ” ed è per questo che ho voluto conoscerti . Anche se abbiamo un nostro giro d’amicizie , io voglio , di tanto in tanto , un’uomo tutto per me , nel mio letto , che sia il mio giocattolo personale , da non dividere con le mie amiche , e che sia anche un compagno ed un’amico di famiglia ” . Mentre si parlava di queste cose , squillò il telefono e lei andò a rispondere . Capii che era Pasquale e la sentii dire ” si tutto bene , avevi ragione ” . Finita la telefonata , mentre noi continuammo a parlare e a raccontarci anche della nostra vita , trascorse circa un quarto d’ora ed arrivò il marito , che mi salutò cordialmente e che si preoccupò di versare altro liquore a me e alla moglie . Poi , mentre lui si recò in cucina a preparare il caffè , Silvana si alzò , splendida in tutta la sua eleganza e femminilità , e si venne ad accomodarsi al mio fianco sul divano dicendomi ” adesso basta parlare , ho voglia di cazzo !! di essere la tua troia ” e così dicendo mi mise la mano sul pacco constatando che avevo già un cazzo duro e pronto . Ci baciammo , mentre lei mi stringeva l’uccello e mugolava pregustando già la chiavata che di li a poco ci aspettava . Scivolò a terra lentamente , e con la sola bocca , cominciò ad alitare sul mio cazzo sopra i pantaloni , baciandolo e facendomi eccitare all’inverosimile . Mi abbasso i pantaloni e continuò ,da sopra agli slip , a leccarmelo , baciarlo e mordicchiarlo , fino a quando il mio cazzo saltò fuori svettandogli davanti alla bocca . Subito lei lo prese , e con la lingua incominciò a leccarlo partendo dalle palle fino alla cappella , insalivandolo tutto e poi imboccandolo meravigliosamente . Nel mentre , non smetteva di parlare , e dirmi che avevo proprio un bel cazzo ,e che aveva ragione suo marito dicendogli che aveva trovato ” il Fidanzato giusto per lei ” . Io mi gustai quel bocchino dicendogli che era proprio brava e che avevo capito subito che , sotto quell’aria da Santarellina e Signora per bene , in realtà si nascondeva una Gran Puttana . La presi , facendola alzare , e la gettai sul divano , dove lei aprì immediatamente le cosce , mostrandomi una fica calda e succulenta sulla quale subito mi gettai , leccandola e succhiandola ,mentre lei mi spingeva la testa tra le sue cosce dicendomi ” siii …..mmmm ….dai porco leccami leccami ” . Arrivò Pasquale che , mettendo da parte il caffe’ , si complimentò con noi che avevamo già iniziato a giocare , e baciò la moglie che lo ringraziò per aver avuto buon gusto nello scegliere il suo Fidanzato . Ci spostammo in camera da letto , dove chiavai la signora sia in fica che in culo , e che godette piu’ volte del mio cazzo e di quello del marito in doppia . Fù un’esperienza meravigliosa e , quel che mi piacque e mi colpì molto , fu che , mentre io chiavavo Silvana alla missionaria nel suo letto , lei ebbe un’orgasmo travolgente e mentre godeva gridava ” Pasquale , Pasquale , Amoreeee Godoooo ….ti Amo ” ……per mè fu travolgente . Avevo trovato la coppia giusta , che si amava ,e che sapeva che il mio ruolo era solo quello dell’amico fidato e discreto da coinvolgere nei loro giochi d’amore . Ho continuato con loro per vari anni , entrando anche a far parte del loro giro d’amicizie e godendo con Silvana non solo il sesso , ma anche della splendida persona che è ……..ma questa è un’altra storia ..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>