Due sogni che si realizzano

20 gennaio 2018 in Racconti

Dal momento in cui ci siamo incontrati, mia moglie Marta ed io abbiamo goduto di una vita sessuale molto attiva, oltre che di una vita piena di fantasia. Ci siamo divertiti entrambi a parlare delle nostre fantasie mentre facevamo sesso, ma non avremmo mai immaginato che saremmo riusciti a realizzarle. Abbiamo condiviso una intensa fantasia sessuale, che ci ha portato a fare sesso con un’altra coppia. Siamo diventati entrambi molto attivi quando abbiamo immaginato il vero sesso di gruppo, in cui donne e uomini si fanno l’un l’altro, senza preoccuparsi di chi ha fatto cosa a chi, essendo totalmente aperti a tutto. Dico che non avremmo mai immaginato che li avremmo fatti diventare realtà, ma poi abbiamo incontrato i nostri nuovi vicini.

Abbiamo vissuto nella nostra nuova casa per circa 6 mesi, quando la casa accanto a noi è stata venduta. Speravamo che avremmo avuto dei buoni vicini, ed eravamo un po’ ansiosi di incontrarli. Si sono trasferiti e anche se abbiamo tanto cercato di incontrarli, sembrava che non riuscissimo mai a incrociarci per caso. Una sera, c’è stato un temporale terribile ed è mancata la luce per l’intera serata. Abbiamo un piccolo molo sul fiume dietro casa nostra, con sopra un gazebo che noi abbiamo attrezzato con diverse candele. Appena cessata la pioggia, ci spostammo là.

Mentre eravamo seduti lì, a lume di candela, i nostri nuovi vicini hanno visto la luce e hanno chiesto se ci sarebbe dispiaciuto se si fossero uniti a noi. Marco e Daniela si sono presentati cordialmente e si sono seduti al nostro tavolo. Quando abbiamo iniziato a parlare, abbiamo capito di avere dei buoni vicini. Erano sposati di recente, qualche anno più giovani di noi, ed erano davvero carini.

Col passare del tempo, ci vedevamo fuori e finivamo per parlare per ore. Di solito, vedevo Marco fuori, o Daniela. Lo stesso mia moglie Marta. Sembravamo sempre avere colloqui uno ad uno, senza mai riuscire a incontrarci tutti e quattro insieme. Ho scoperto che mi piaceva parlare con Daniela da solo, e mi sono divertito un mondo a guardare mia moglie Marta, parlare con Marco. Daniela indossava sempre magliette e pantaloncini larghi e spesso speravo di vederla in qualcosa di un po’ più rivelatore. Io e mia moglie abbiamo spesso parlato a letto di Daniela o Marco, fantasticando che si unissero a noi. Sapevo che a Marta piaceva l’idea, le piaceva soprattutto l’idea di Marco e io insieme, permettendo a lei e Daniela di unirsi a noi.

Un fine settimana abbiamo deciso di fare una grigliata, e di avere qualche coppia in più. Gli altri nostri vicini si sono tirati indietro, e quindi alla fine eravamo solo noi quattro. Abbiamo iniziato a mezzogiorno e ci siamo davvero divertiti. Ci siamo resi conto che avevamo molto in comune. Tutto stava andando alla grande fino a quando non ha iniziato a piovere. Abbiamo iniziato a prendere cibo e bevande e correre dentro la casa. Quando siamo arrivati, eravamo fradici. Non dava alcun segno di smettere, quindi abbiamo offerto vestiti asciutti a Marco e Daniela. Marco e io abbiamo circa le stesse dimensioni, ma Daniela è molto più alta di Marta. Marta ama indossare camicie aderenti e pantaloncini davvero corti. Una volta che Marco si è cambiato con vestiti asciutti, abbiamo sentito le ragazze ridere e ci chiedevamo cosa stesse succedendo. Sembra che Daniela abbia avuto difficoltà a trovare una maglietta ampia da indossare nell’armadio di Marta. È uscita con un sorriso enorme e una maglietta CK piuttosto striminzita. All’inizio si è comportata in modo molto timido, ma quando abbiamo iniziato a parlare, ha detto che indossava camicie larghe perché si sentiva grassa. Non ho potuto fare a meno di ridere, dato che pensavo che fosse bellissima da quando l’avevo vista la prima volta. Questo ha prodotto uno sguardo strano da parte di Marco, che poi ha chiesto

da quanto tempo avevo notato che sua moglie sembrava così bella. Gli dissi, onestamente, dal momento in cui si erano trasferiti. Disse che era contento, perché così non si sentiva più in colpa nel guardare Marta, e con questa battuta abbiamo tutti iniziato a ridere.

Abbiamo iniziato a parlare del romanticismo, della vita e, infine, del sesso. Abbiamo parlato di quasi tutto, tranne che delle nostre fantasie. Non ce la facevo più, ho detto loro che entrambi li trovavamo attraenti e che li avevamo inseriti nelle nostre fantasie sessuali, e non potevamo fare a meno di chiederci come sarebbe stato fare sesso tutti insieme. Marco immediatamente ha detto che aveva spesso pensato di fare sesso con Susie e me, ma non erano mai stati coinvolti in qualcosa come il sesso di gruppo e non sapevano come iniziare. Gli sorrisi e dissi: “Marco, lo hai appena fatto”.

Abbiamo parlato per almeno un’altra ora di come saremmo stati in grado di vivere vicini in seguito, e se avrebbe infastidito qualcuno rimanere vicini e amici. Alla fine abbiamo deciso di provare, e avevamo stabilito solo una regola. Non avremmo mai fatto nulla al di fuori del gruppo e non avremmo mai fatto nulla senza che tutti noi 4 fossimo coinvolti, o nella stessa casa insieme.

Andammo nella nostra camera da letto e accendemmo alcune candele, mettemmo musica e iniziammo a giocare con i rispettivi coniugi. Ci stavamo baciando e accarezzando, e presto eravamo tutti nudi. Marta ed io siamo stati i primi ad iniziare qualcosa di più spinto. Marta scivolò giù fino al mio cazzo ora molto duro, e cominciò a leccarlo e a muovere la lingua sopra l’asta, sopra la cappella, e ad accarezzarmi le palle. Sembrava che Marco e Daniela stessero seguendo il nostro esempio, facendo quello che facevamo noi. Ho pensato che se avessero continuato a copiarci, avrei reso il tutto più divertente. Daniela stava succhiando il cazzo di Marco, così mi sono allungato e ho infilato le dita dentro e intorno alla sua figa. Era quasi rasata e aveva una piccola fighetta molto stretta. Stavo iniziando a toccarla con un solo dito, e subito lei si era ingobbita e sembrava scioccata. Ha tolto subito la sua bocca dal cazzo di Marco, mi ha guardato, e poi ha guardato suo marito. Marco le sorrise e le toccò le labbra con le dita, tirando poi la testa di Daniela di nuovo verso il suo uccello.

Sentendosi esclusa, Marta la fermò e le fece segno che le sarebbe piaciuto entrare in gioco in qualche modo. Mi guardò e prese il cazzo di Marco in bocca, e sembrò inghiottirlo per intero. Marco ha reagito come se non avesse mai provato niente del genere. A questo punto Daniela si era scostata dal marito e si era sdraiata sulla schiena, con una delle mie dita ancora dentro di lei. Tirai fuori il dito e le allargai ancora di più le gambe, e con la mia lingua iniziai a leccarle la figa bagnata e a fare cerchi attorno al clitoride, e poco dopo ad infilare la lingua il più possibile dentro di lei. Era strano avere i succhi di un’altra donna in bocca dopo tanti anni con mia moglie, e dovevo guardare oltre per vedere la sua faccia. Stava succhiando il cazzo di Marco e sembrava persa in un altro mondo.

Andavamo tutti in quelle che sembravano quattro direzioni diverse, sbattendo l’uno sull’altro nel letto. Non ho potuto fare a meno di sentirmi eccitato e anche un po’ geloso guardando Marta succhiare avidamente il cazzo di un altro uomo. Spinsi Daniela un po’ più su nel letto, così che lei era distesa accanto a Marco, ed eccoci lì. Il cazzo di Marco riceveva il servizio da mia moglie, e la moglie di Marco che riceveva il servizio da me. Marta si fermò e mi fece segno di prenderla da dietro mentre lei succhiava il cazzo di Marco, qualcosa su cui io avevo fantasticato da molto tempo. L’ho adorato, era tutto ciò che avrei mai immaginato, ma ciò che Marco ha ottenuto è stato anche migliore. Era già buono che ricevesse un pompino da Marta, ma Daniela aveva deciso di sedersi sulla sua faccia!

Stavo per esplodere. Ho tirato fuori il mio cazzo da Marta nel momento in cui Marco le sparava un bel carico di sborra in bocca. Non se lo aspettava, e una parte le corse giù dalla bocca, sopra Marco.

Come spesso fa a me, Marta leccò per bene Marco fino a che fu completamente pulito. Io ero ancora in tiro, e mia moglie si voltò verso di me, dicendo che era il mio turno. Marta balzò in piedi e disse che sì era il mio turno, e ci avrebbe pensato lei. Marco e Marta sono rimasti lì a guardare mentre Daniela mi ha fatto venire nella sua bocca con poche pompate. Una volta venuto, Daniela fece vedere a mia moglie di non averne sprecata neanche una goccia.

Ci siamo divertiti tutti, ma siamo rimasti a malapena soddisfatti. Eravamo così eccitati, volevamo di più. Non sapevamo cosa volevamo, ma sapevamo di volere di più. Marta ha sempre detto che voleva vedermi succhiare un cazzo, e ora che c’era una possibilità, ero terrorizzato che lei lo avrebbe tirato in ballo. E lei lo ha fatto. Marco giaceva sulla schiena mentre le ragazze si alternavano a leccare e succhiare il suo cazzo da cima a fondo. Ci è voluto molto tempo, ma alla fine sono riuscito a mettere la mia mano su di esso. Sono rimasto sorpreso di come mi sono eccitato. Mentre le ragazze lo facevano, sembrava figo, e Marco fece scivolare una mano e iniziò a strofinare il mio cazzo duro. Le ragazze si staccarono e iniziarono a giocare tra loro, e io ero congelato. Non sapevo cosa fare dopo. Marco aveva le idee chiare, e mi ha detto che se avevamo intenzione di farlo, avremmo potuto farlo e lo abbiamo fatto. Abbiamo iniziato con Marco steso sulla schiena, e appena mi sono messo il suo cazzo in bocca, non sapevo bene cosa fare, ma sapevo cosa mi faceva stare bene, quindi ho provato a farlo. Ho fatto scivolare la mia gamba sul corpo di Dan, e immediatamente ho sentito la bocca di Marco avvolgere il mio casso Siamo andati avanti per un po’, ed è stato fantastico, mi ha acceso.

Dopo ciò, abbiamo iniziato a fare un’orgia vera e propria. Abbiamo fatto a turno per scopare le ragazze e abbiamo continuato ad scopare per molto tempo anche dopo essere venuti, tanta era l’eccitazione e la voglia. Mi sono alzato per prendere degli asciugamani e Daniela mi ha seguito. Mentre eravamo in bagno, notò la nostra vasca da bagno, una vasca idromassaggio molto grande. Ha detto che ne volevano una anche loro, ma non hanno trovato una casa che l’avesse. Ho detto che poteva usarlo ogni volta che voleva. Ha detto che voleva farlo subito dopo.

Abbiamo riempito la vasca e siamo scivolati dentro. Potevo sentire i rumori di una scopata seria provenire dalla camera, e dissi a Daniela che potevamo fare il bagno un’altra volta, che dovevo essere onesto, volevo scoparla, volevo mettere il mio sperma dentro la sua figa. Ha detto che se le avessi lasciata 10 minuti nella vasca, avrei potuto scoparla ogni volta che volevo. Le ho ricordato il nostro accordo, che non facciamo mai nulla al di fuori dei 4. Ha detto che Marco doveva solo venire a scopare mia moglie ogni volta che volevo scoparla.

Da allora, ci siamo incontrati regolarmente e a volte ceniamo insieme 5 volte a settimana. Non facciamo sempre sesso, ma di solito lo facciamo. E cerchiamo sempre di espandere ciò che facciamo. Abbiamo modificato un po’ la nostra regola iniziale. Abbiamo concordato che avremmo fatto sesso solo con il partner dell’altro, e non con nessun altro. E abbiamo concordato che se io sono fuori città per 2 settimane, o se Marco deve lavorare di sabato, sarebbe ingiusto privare gli altri del divertimento. E Marco e io non ci siamo più succhiati fino da quella prima volta. Ci tocchiamo molto e in futuro potremmo fare di nuovo sesso orale, chi lo sa. È un bel divertimento pulito, tra coppie consenzienti che si divertono a scoparsi a vicenda. Immagina di avere 2 donne che amano scopare, adorano succhiare e tu le prendi entrambe. Meglio ancora, amano competere, ed essere il giudice di una gara di pompini, che è un buon lavoro, se riesci a ottenerlo.

1 risposta a Due sogni che si realizzano

  1. Molto bello e buon divertimento allora!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>