Dal’ estetista

27 agosto 2018 in Racconti

Camilla si sentiva un po’ giù quella mattina, e non importava quanto duramente provasse, non poteva concentrarsi sul suo lavoro, e doveva costantemente ricordarsi che aveva del lavoro da fare! Anche mentre rispondeva al telefono, la sua mente vagava e lei doveva chiedere a diversi clienti di ripetere ciò che avevano appena detto perché non stava prestando attenzione. Verso le 11:15 il suo telefono squillò ed era la sua migliore amica Rosalba che chiamava per vedere se potevano pranzare insieme. “Certo Ros,” rispose Camilla, “perché no, ci vediamo agli ascensori fra cinque minuti.” Quando si trovarono nell’atrio, Rosalba chiese dove Camilla voleva andare a pranzo. Camilla ci pensò per un secondo e rispose, “Sai Ros, mi sento un po’ giù stamattina, quindi quello che mi piacerebbe davvero fare è una rapida rasatura se va bene anche per te” Rosalba rise e rispose velocemente: “Va bene, andiamo!”
Le due donne entrarono nel salone e andarono direttamente dalla padrona che era occupata a prendere le prenotazioni. “Credi che potresti fare per due di noi una rasatura rapida?” Chiese Camilla speranzosamente? “Hai una prenotazione?” Chiese la padrona? “No,” Camilla rispose velocemente, “speravamo che potessi farci entrare, è davvero importante!” “Fammi vedere”, disse la signora, mentre guardava il suo libro di prenotazione, “okay ragazze, seguitemi, penso che possiamo farvi entrare!” Quando arrivarono alla stanza della rasatura, la padrona chiamò due ragazze, “Barbara, Michela, potete prendervi cura di queste due adesso, ne hanno davvero bisogno” “Barbara annuì sì, e fece cenno a Camilla e Rosalba di entrare nelle due poltrone reclinabili da barbiere: entrambe le donne si sedettero rapidamente, si appoggiarono allo schienale e aspettarono che lei due ragazze iniziassero:” Okay, tesoro “disse Barbara,” solleva il sedere! “Camilla sollevò il culo dalla sedia e Barbara la raggiunse sotto al vestito e le tolse collant e le mutandine con un movimento rapido mentre guardava verso Rosalba, a cui allo stesso modo veniva rimossa la biancheria da Michela. Entrambe le donne poi tiraronosu le loro gonne intorno alla vita esponendo le loro vagine agli occhi attenti delle ragazze del salone, Barbara ed Michela. Intorno alla stanza, altre donne stavano passando attraverso la stessa procedura, così che anche loro potessero prepararsi a farsi radere le fighe. “Ok, Camilla,” disse Barbara,” ti insaponerò e lascerò riposare per qualche minuto per ammorbidire il tuo cespuglio, vorresti che ti toccassi mentre aspettiamo? “” Oh, per favore, “supplicò Camilla , “Ne ho tanto bisogno, sgrillettami forte” Barbara scoppiò a ridere e cominciò a insaponare la fica pelosa, stando molto attenta a strofinare il palmo della mano su tutto il monte sporgente della donna. “Ecco, così dovrebbe andare”, annunciò Barbara, “adesso facciamo un bel ditalino.” Camilla sospirò quando Barbara lasciò che il suo indice si infilasse nella sua vagina ora bagnata mentre Barbara commentava con la voce di una bambina: “È quello che voleva la piccola” “Oh dio,” mi sento così bene, penso che già verrò, “gemette Camilla !!!” “Vai avanti, piccola,” Barbara tubò dolcemente, ” vieni per la mamma, fai un bell’orgasmo per lei” Sentendo la giovane donna parlare in modo così infantile, Camilla sentì la sua vagina contrarsi diverse volte, e un climax molto forte attraversò il suo corpo voglioso.
“Mamma mia che bello,” ansimò Camilla, “ne ne avevo proprio bisogno.” “Sono contenta che ti sia piaciuto,” rispose Barbara, “penso che possiamo dedicarci alla rasatura adesso, sembra essersi ammorbidito un po ‘,” e dal nulla Barbara tirò fuori un rasoio a tripla lametta e iniziò a rasare con abilità tutti gli spessi peli pubici. Il rasoio era freddo contro la sua pelle sensibile, ma la sensazione era incredibile e Camilla iniziò ad avere quella sensazione familiare nella bocca dello stomaco, quella di un orgasmo imminente che stava montando come uno tsunami dopo un terremoto! Quando Barbara arrivò agli ultimi colpi, Camilla era in uno stato di quasi isterismo sessuale, mentre l’aria fresca sulla sua vagina ora nuda, insieme alla costante manipolazione di Barbara sulle pieghe della sua figa, stava facendo tremare e scuotere la fica di Camilla sull’orlo di un orgasmo colossale. Camilla guardò oltre per vedere come stava andando Rosalba, e quello che vide la spinse ancora più vicino all’orgasmo. Michela, che si stava occupando di Rosalba, era impegnata a leccare la sua figa ora nuda, succhiando ogni grammo di energia sessuale accumulata sulla testa del suo piccolo clitoride. Barbara asciugò meticolosamente il sapone in eccesso dalla figa di Camilla e poi chiese: “Caro, vorresti che ti leccassi oggi!?!” Quasi incapace di parlare, Camilla gracchiò un si, e immediatamente la bocca di Barbara fu attaccata alla fica spalancata di Camilla! Rosalba e Camilla erano molto vicine a venire, e allungarono una mano e si strinsero l’un l’altra strettamente mentre le loro fiche esplodevano all’unisono mentre le due ragazze leccavano e succhiavano con foga.
Entrambe le donne infilarono le mutandine e il collant nelle loro borse e tornarono in ufficio, le loro fiche nude si sentivano libere e selvagge dopo la rasatura e l’adorazione orale di Barbara e Michela. Entrando in ascensore da sole, Camilla sollevò la gonna e mostrò a Rosalba quanto fossero gonfie e piene le sue labbra. Per non essere da meno, Rosalba fece lo stesso, esponendo il suo monte, e persino tenendo la sua mano sul suo cavallo e dandole una veloce sgrillettata. “Guarda la mia figa, Cami”, gemette Rosalba, “Non posso farci niente, ho intenzione di venire di nuovo!” Qualche secondo dopo, la sua amica, ora appoggiata contro il muro dell’ascensore per sostenersi, tremava da tutte le parti mentre il suo corpo veniva devastato da un altro climax! Camilla premette rapidamente il pulsante di stop sull’ascensore, e mentre ancora si esponeva alla sua amica pregò, “Per favore Ros, leccami per favore !!!” Rosalba non ebbe bisogno di un altro invito e si inginocchiò immediatamente, iniziando a leccare furiosamente la figa bagnata della sua amica. Camilla aveva certamente ragione su una cosa, aveva labbra estremamente gonfie, e Rosalba assaporava lo spessore e la consistenza delle labbra della sua amica. Era il clitoride di Camilla, tuttavia, che guidava questo autobus, e Rosalba non perse tempo a prendersi cura del suo piccolo bersaglio duro! In un lampo, la fica di Camilla perse il controllo e ha inondò la bocca di Rosalba con un torrente di succo orgasmico! Entrambe le donne, ora completamente esaurite, lottarono per riconquistare la compostezza perduta.
Alla sua scrivania Camilla stava ancora trovando difficile concentrarsi sul suo lavoro, ma almeno non era il risultato della tensione sessuale…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>